venerdì 4 febbraio 2011

ESSERE PRIMI SU GOOGLE IN 10 MOSSE


Cosa puoi fare di concreto se vuoi rendere visibile il tuo sito nella prima pagina di Google?

Il posizionamento dei siti web su motori di ricerca come Google è influenzato da alcuni parametri.

Proviamo a conoscerne alcuni (consigliati dalla stessa Google Inc):

1. Ricchezza di contenuti: Google predilige i testi. I contenuti devono essere ben scritti e coerenti con il contenuto del sito. Tra i fattori interni la cosa che contribuisce maggiormente al posizionamento di un sito è la presenza di molti contenuti pertinenti all’argomento per il quale si vuole essere posizionati

2. Aggiornamento frequente. Inutile investire soldi in un sito anche se ben fatto se poi lo si lascia fermo e non lo si aggiorna. Google penalizza i siti "vecchi" e gratifica con un buon posizionamento i siti aggiornati. Un consiglio? Attivate o fate attivare una sezione news sul vostro sito, o un blog interno, e aggiornatelo con un articolo almeno una volta alla settimana.
Non sapete cosa scrivere? Aiutatevi con le Google Alerts: saranno le notizie a trovare voi e non viceversa


3: Codice ben scritto. Beh, qui c'è poco da fare. Conviene affidarsi a una web agency seria che conosce bene il codice. Pretendete una progettazione della pagina che rispecchi fedelmente le direttive del W3C l’organismo internazionale che detta le regole per scrivere il codice sorgente delle pagine web. Ne guadagnerà anche il posizionamento su Google.


4. Chi prima arriva meglio alloggia. Tra i fattori esterni ciò che contribuisce maggiormente al posizionamento è l’anzianità del sito Avete un dominio registrato anni fa? Usatelo! Inoltre è meglio scegliere un dominio con parole chiave inerenti alla vostra attività.
Questo è uno dei motivi per cui (a parità di investimento) le aziende che per prime si collocano sul web, attivano un blog, una pagina facebook, un social network, si posizionano meglio.

4a. La regola 4) non è sempre vera. Anche se l'anziantità è diversa, vincono le pagine web con la migliore fitness. Come è possibile infatti che possano esistere siti web relativamente giovani che battono siti con una anzianità maggiore?
In realtà la regola precedente viene superata da un altro principio di teoria delle reti molto più importante: la fitness di un nodo, dove per nodo indico una pagina web o un sito web.
Ovvero, per dirla in breve, non è tanto importante l'anzianità quando la vitalità: siti giovani e appena apparsi sul web possono superare quelli più consolidati semplicemente aumentando la loro attività sulla rete. Lo spiego meglio in questo articolo.


5. Aumentate il traffico. Il numero di visitatori totali è importante: se aumentate il numero diminuisce anche l'Alexa Rank, un numero che è inversamente proporzionale alla vostra popolarità.


6. I referrarls sono importanti. Il numero di “Back Link”. Più è alto, più siete citati, linkati, e più Google aumenta la "stima" che ha nei vostri confronti, premiandovi con un buon posizionamento e un buon PageRank.
Ma attenzione: diffidate dello scambio dei link: ovvero di siti che linkano il sito in questione spontaneamente, meglio se all’interno di articoli o pagine dedicate all’argomento per cui vogliamo essere posizionati. Meglio dunque una recensione su un altro sito che punta a voi che un semplice banner.

7. Google privilegia il testo… non le immagini. Da Google dunque vengono premiati i siti con molto testo e con molte pagine, piuttosto che i siti con belle immagini e grande impatto visivo.
Un un sito con tante pagine e immagini ma senza testo equivale ad un sito senza contenuti.
Dunque non visibile su Google

8. Scegliete titoli pertinenti con le vostre parole chiave. Il titolo di un articolo (o di una pagina) è il fattore decisivo per un buon posiziomamento.

9. Sito in flash o sito in Html? Assolutamente diffidare dai siti realizzati completamente in Flash!
Non vengono visitati e indicizzati da Google. Meglio scegliere siti ibridi ricchi di testi e parole chiave


10) Privilegiare l'uso di un Content Management System. Siti progettati su piattaforme CMS (Content Managment System), blog e forum, consentono un aggiornamento continuo con poco sforzo e questo meccanismo genera genera pagine ricche di contenuti a tema, pertinenti e molto visitati.


Riassumendo il sito deve essere:

1) ricco di contenuti
2) aggiornato di frequente
3) codice scritto bene e W3C
4) dominio con anzianità e nome di dominio inerente alla vostra attività e maggiore fitness
5) numero di visitatori elevato (usate il social networking)
6) “referenziato” positivamente da altri siti simili e ben posizionati a loro volta.
7) molti testi ricchi di contenuti pertinenti
8) titoli pertinenti
9) No Flash
10) Usare un CMS


Questo non significa rinunciare alla bellezza, è possibile creare siti molto belli, con contenuti aggiornati e ben scritti, per essere allo stesso tempo ben indicizzabili sui motori di ricerca ed ai clienti/fruitori.

Nessun commento: